Now Reading
Baldinini: il Made in Italy deve ripartire dalla Russia

Baldinini: il Made in Italy deve ripartire dalla Russia

https://www.instagram.com/p/CDRAjtTom5C/https://www.instagram.com/p/CDgcC0ODW55/

In un’intervista al Sole24Ore, Gimmi Baldinini, imprenditore e presidente del brand extralusso di San Mauro Pascoli, ha dichiarato la necessità di una ripartenza nel mercato extraeuropeo, in particolare in quello russo, dove si registra una forte ripresa dei consumi.

Il gruppo di calzature italiano, che festeggia i 110 anni di attività dalla fondazione, conta ad oggi circa 200 dipendenti e si prepara ad affrontare la risalita sui mercati, sperando di ripristinare uno stato di normalità.

In questo momento, come spiega Baldinini, l’azienda è impegnata nelle consegne della collezione autunno-inverno. Seppur le vendite durante il lock down siano state sostenute grazie all’e-commerce, il CEO sottolinea, “non compensa certo la chiusura prolungata di una rete di 200 punti vendita”.

Il mercato russo rappresenta per il brand un trampolino di lancio, considerato che su 200 negozi monomarca distesi su una cinquantina di Paesi, 130 sono solo in Russia e che questi valgono circa l’80% del fatturato attuale.

All’uscita del lockdown, in una situazione ancora emergenziale, Baldinini ha sottolineato l’importanza di guardare oltre l’Ovest per investimenti e crescita imprenditoriale. “La Russia può essere il vero motore della ripresa del fashion made in Italy, ma l’Italia deve valorizzare maggiormente i rapporti con questo Paese straordinario. Chi non lo conosce non può giudicare”. 

Crediti copertina: Baldinini

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Emilio Praga 35 street, 00137 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top