Now Reading
Balmain SS 2022: i dieci anni di Rousteing alla maison

Balmain SS 2022: i dieci anni di Rousteing alla maison

Ho chiarissimo in mente il ricordo del giorno in cui ho visto la prima sfilata di Olivier Rousteing a Balmain. Giovane, di colore e sconosciuto. Doveva essere davvero bravissimo per aver ottenuto la direzione di una maison di quel livello. Non ci ha messo neanche cinque minuti a dimostrarlo ma, si sa, in questo ambiente ci sono molte figure coriacee che non si convincono facilmente. Soprattutto a Milano, ancor più a Parigi.

In questi 10 anni a Balmain (si, con questa sfilata abbiamo festeggiato il decennale) Rousteing ha combattuto duramente contro le suddette voci, dimostrando passo dopo passo di non avere nulla da invidiare a nessuno. Anzi, ha chiaramente fatto vedere a tutti come un giovane con la carica “social” come la sua possa essere una vera manna dal cielo, di questi tempi.

E se nelle ultime collezioni ci sono state vere e proprie dichiarazioni di innovazione su come una sfilata dovrebbe essere, stavolta il grido di cambiamento è davvero impossibile non notarlo. Sappiamo tutti, per chi assiste, com’è di solito il clima da passerella. Si potrebbe definire austero. E sappiamo quanto l’arrivo delle influencers e pop stars urlanti e ridacchianti (fischianti a volte) sia stato deriso, all’inizio, su quei front row.

Rousteing ci mostra con questa sfilata/party come secondo i giovani la sfilata di moda deve essere. Questo è stato un evento memorabile, di gioia incontenibile per la visione delle top models da parte dei quasi 6mila spettatori. E, come se non bastasse, sfilata condita da concerto finale in cui si sono esibiti Doja Cat subito dopo lo show e Franz Ferdinand in finale. E se con la location, le luci, la musica e il primo look in apertura non vi è venuta la pelle d’oca, allora c’è qualcosa che non va.

“Molto rumore per nulla”, direbbero alcuni quando si pensa (a volte a ragione) che le cose troppo condite nascondano una scarsa cucina. Ma questo non si può certo dire per Balmain sotto Olivier Rousteing. I ben 114 look ma per nulla noiosi, misti uomo e donna, sono un riassunto focoso e sexy di questi dieci anni, con un occhio particolare al suo amore per la modellistica. Dessert di una serie di iconiche top a indossare i suoi abiti più scintillanti, con un discorso commovente di Beyoncé in sottofondo.

La passerella finale di Rousteing emozionato, accompagnato dalle top e da un fragore assurdo di applausi lascia presagire qualcosa di più di un festeggiamento, forse un saluto. Sperando ovviamente che non sia così, possiamo solo dire che se dovesse separarsi dalla maison non sarà certo per essere scivolato.

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top