Now Reading
Berlin fashion week

Berlin fashion week

Con la conclusione della settimana della moda di Berlino, guardiamo indietro ad alcuni dei momenti più famosi delle passerelle che ispireranno le masse durante tutto l’anno. Il 1 ° giorno della parata di designers, che dura una settimana, ha avuto un livello eccezionalmente alto con Lana Müller al comando. Uno stupendo contrasto si è formato tra i look delicatamente sottomessi di Müller e la Royal Porcelain Factory di Berlino con travi in acciaio in cui venivano presentati.

Lana Muller | courtesy of Brian Dowling/Getty Images Europe

Mentre le modelle sfoggiavano pezzi bianchi, ecrù e pastello che erano arricciati e increspati in ogni occasione, non si è mai perso tra la folla quanto fosse poetico lo svelamento di questa collezione particolarmente raffinata, debuttando nella stessa stanza imponente e nuda della delicata porcellana della fabbrica era stato scelto anni prima.


Il Day 2 ha presentato la tendenza di Neonyt sulla moda responsabile, mettendo in scena i marchi esistenti che servono il pianeta più di quanto non facciano il capitalismo, al fine di soddisfare il tema dello show: “Ritorno alla natura – La moda di strada incontra l’outdoor”. Le modelle indossavano capispalla ecologici combinati con brand di provenienza locale per ridurre al minimo l’impatto ambientale, promuovendo al contempo designer che supportano la sostenibilità.

Neonyt | courtesy of ALEXANDER KOERNER | Getty Images Europe

I pezzi di Irene Luft sono anche scesi in passerella per sfoggiare una giustapposizione tra l’innegabile femminilità degli ornamenti floreali contro le linee nette e contrastanti di calze a rete e guanti da sera neri in pelle. Il forte scontro di elementi classici femminili con materiali forti e durevoli è stato inaspettatamente complementare.


Danny Reinke ha rubato la scena con i suoi look stravaganti, mescolando abiti effeminati ornati con fiocchi e sagome sottili con alcune qualità animalesche, come l’eco pelliccia e le stampe. Questo tono ispirato dalla natura continuava in tutti i pezzi, si potevano osservare camicie e stivali con stampa leopardata o materiali simili a piume in abiti e maniche. Ma non c’è bisogno di preoccuparsi: nessun animale è stato ferito nella realizzazione dei look!

Danny Reinke – Source: Getty Images Europe

Gli spettacoli di Marc Cain e Odeeh hanno completato la giornata. Il tema di “Perle, storie e champagne” di Marc Cain ha attratto artisti del calibro di Katie Holmes in questa energica vicenda dell’era d’oro. La passerella è stata decorata come per celebrare il 2020 con un ritorno a un decennio di storia: gli anni ’20.
I look combinavano temi classici con nuove interpretazioni mentre le modelle sfoggiavano abiti con risvolti esagerati e spalle larghe.


Lo spettacolo di Odeeh ha portato il suo fascino sulla passerella, presentando look ampi e caratterizzati da grandi stampe floreali in prugna, blu scuro e ambra. Le modelle che indossano abiti dai colori scuri sono state fortemente contrastate dai pezzi a seguito, con i loro opposti disegni accesi e tagli conservatori.

Odeeh | Getty Images Europe

Il Day 3 ha proclamato il genio ancora più sartoriale Lena Hoschek, che ha preso d’assalto la scena grazie a pezzi accattivanti con splendidi motivi tradizionali mescolati a disegni zingari. I look irradiavano una sensazione terrosa e colta come se le modelle fossero uscite da oasi del deserto appena prima di entrare in passerella.

Ciò che è seguito è lo spettacolo di Rebekka Ruétz. Gli outfit sono stati modellati in sagome abbaglianti e sconcertanti, con abiti oversize drappeggiati sopra pantaloni larghi o maniche troppo lunghe che cadono ben oltre le braccia delle modelle.

Rebekka Ruetz | Source: Getty Images Europe

Nobi Talai è arrivato più tardi nel corso della giornata con alcuni pezzi inimitabili che hanno reso un sottile omaggio all’eredità del designer, tra una modella che portava una borsa decorata con taqiyah e copricapi a seguire in linea con gli elementi tradizionali della moda iraniana.

Nobi Talai | Getty Images Europe

A chiudere la giornata sono stati KXXK e Riani. KXXK appare andato sul retrò, con dettagli in arancione bruciato e altri in velluto con risvolti esagerati che ricordano gli anni ’70. Alcuni hanno impiegato persino spalline sgargianti e corde sulle spalla come per rendere omaggio a un’istituzione militare.
Riani ha completato il terzo giorno con toni della terra sotto forma di top casual in maglia drappeggiati, su pantaloni e gonne larghi. C’era un’innegabile aria di fresco sulla passerella mentre le modelle si pavoneggiavano in quello che diventerà sicuramente l’abbigliamento più ricercato e intimo, che può in qualche modo riuscire a far sentire chi lo indossa a suo agio.
Indubbiamente, durante la settimana della moda di Berlino sono state fatte alcune dichiarazioni straordinarie tra modelle e silhouette in contrasto con design audaci e tonalità brillanti. Quello che potrebbe essere stato l’elemento più significativo, tuttavia, è stata l’enfasi sulla sostenibilità. Per tutta la settimana, ci sono state vetrine per rendere la moda il più ecologica possibile. Mai prima d’ora questo è stato più importante, e sarà vitale per i designers per porre l’accento sull’organizzazione dei loro shows in modo da essere più responsabili verso l’ambiente. Il green potrebbe forse essere l’unica cosa che non passerà mai di moda.

words Kate Macchi

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

Marta Forgione - president, chief editor

Scroll To Top