Now Reading
Chanel SS 2021: il ritorno della moda che sorride

Chanel SS 2021: il ritorno della moda che sorride

Con Chanel abbiamo visto esplodere quell’ottimismo che è stato presente su tante altre passerelle in questi giorni. Esplodere, si, perché se finora ci sono stati tanti look da party, qui abbiamo rivissuto qualcosa di davvero magico della moda passata. Quella magia della fine anni ’80, inizio ’90, in cui le top model calcavano le passerelle sorridendo, divertendosi e interpretando i loro abiti girando e ammiccando ai fotografi. I fotografi che si ammassavano per avere la visuale migliore.

Sembra una cosa da nulla, ma l’aria seriosa e vagamente sdegnosa di modelle, addetti stampa, fotografi e tutto l’entourage non è una cosa che c’è sempre stata. Siamo abituati ormai, è vero, e guai ad accennare a una risata se sei seduto in front row a meno che tu non sia una pop star. Una volta non era così, e tutto era la celebrazione di gioia di vivere e della creazione di qualcosa di nuovo.

images courtesy of Ph Alessandro Lucioni / Gorunway.com

La stilista Virginie Viard ha ricordato: “Amavo il suono dei flash che scattavano durante gli spettacoli negli anni ’80, volevo rivivere quell’emozione”. E così ha letteralmente ricreato una sfilata di quei tempi, in cui il front row era per i fotografi e le modelle si pavoneggiavano sulla passerella. Incredibilmente, anche l’emozione è stata perfettamente ricreata, sembrava di essere caduti in una spirale temporale ed essere finiti indietro di trent’anni.

E’ stato tutto così perfetto, anche la scelta della colonna sonora che era una rivisitazione di “Freedom! ’90” di George Michael. Anche la location era del tutto simile alle passerelle dell’epoca, ed ha permesso sicuramente a Viard di ricreare l’ambiente giusto. Ma ha anche permesso, nello stesso periodo, il grande restauro che Chanel sta realizzando per il Grand Palais. Location che è stata per anni la location delle incredibili sfilate sotto Karl Lagerfeld.

La scelta degli abiti della nuova collezione ha fatto parte ovviamente del piano. L’inizio con una serie di costumi da bagno e completi sportivi super accessoriati, in bianco e nero, ha reso tutto molto più sexy e adatto al gioco. I classici completi e abitini in tweed rivisitati hanno fatto pensare alle top model scattate da Steven Meisel nel ’94 per Vogue. Gli abiti finali con stampe e colori di farfalla hanno confermato questo prossimo trend. Spiegheremo finalmente le ali su un futuro più roseo?

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top