Now Reading
Fendi Ready-to-Wear PE22

Fendi Ready-to-Wear PE22

Il primo giorno della Milano Fashion Week si è aperto, tra gli altri, con Fendi. Kim Jones ha portato in passerella circa cinquanta capi per la primavera-estate, sulle note di Shades of Jae di Moodyman.

La collezione è strutturata logicamente, tanto che il passaggio tra un colore e l’altro avviene senza sbavature. Sui capi spiccano le illustrazioni di Antonio López mescolate ai tessuti.

Il bianco è il colore d’apertura, su abiti da sera e completi dalle silhouette molto classiche e pulite; da queste, si evince chiaramente anche la collaborazione tra Silvia Venturini Fendi e Delfina Delettrez Fendi. Il bianco sfuma quasi in marmo, rievocando il palazzo della Civiltà, l’headquarter della maison italiana.

Peculiari sono i capi lavorati in plissé, i maxi boots color carne e le silhouette attillate evidenziate dalle cinture in pelle.

Le illustrazioni di Antonio López sono state applicate al tessuto attraverso figure astratte, pennellate oversize su capi dallo stato anni ’70; molto interessante è anche il lavoro di astrattismo creato su un’illustrazione di Jane Forth su 4 look jacquard. Le illustrazioni sono il punto di partenza per il cambio colore, che si fa sempre più colorato verso la fine della sfilata.

Gli ultimi capi della collezione infatti, presentano illustrazioni astratte, le silhouette sono più morbide e gli accostamenti di colori sono più vivaci e accattivanti; le influenze anni ’70 si notano sopratutto nei mini dress piumati, nei caftani morbidi, negli stivali con intarsi di pelle.

Parlando della relazione tra López e la moda, Jones ha affermato: “È stato un grande influencer di moda per molte persone, ma non se n’è parlato tantissimo. Ha avuto un rapporto con Karl e con Fendi, e ha aiutato a dar forma a tante visioni di donne forti, perché le amava: tutto ciò è molto autentico e attuale”.

Vi sono poi altri riferimenti al passato, agli archivi di Fendi; le stampe a righe diagonali applicate sulla seta – che prima facevano da sfondo al logo della maison- e una giacca di marabù accostata a un paio di pantaloni in seta d’oro rosa. I riferimenti storici sono tanti, ma come sempre Jones è riuscito a renderli moderni attraverso alcuni dettagli inconfondibili del suo stile.

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Emilio Praga 35 street, 00137 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top