Now Reading
In conversazione con il fotografo Adam Katz Sinding

In conversazione con il fotografo Adam Katz Sinding

Adam Katz Sinding, fotografo americano con base a Copenhagen, è un vero innovatore del mondo della fotografia street style. Si è avvicinato alla professione completamente per caso, mentre lavorava in un albergo di New York. Da hobby, la sua fotografia diventa presto un lavoro, grazie alla chiamata di celebri magazine e da parte di alcune grandi firme del mondo della moda. Adam comincia a catturare attraverso la sua lente i volti e i personaggi più interessanti fuori dalle grandi e piccole sfilate di moda. LATEST ha avuto la preziosa opportunità di parlare con lui, scoprendo come è cominciato tutto, le sue considerazioni sulle settimane della moda, approfondendo la sua passione per i viaggi e molto altro ancora.

Come ti sei avvicinato alla fotografia street style? Qual è il tuo background professionale?

Mio padre era un fotografo per hobby oltre che essere un procuratore. Era solito viaggiare zaino in spalla e scattare queste incredibili foto panoramiche con la sua vecchia fotocamera a pellicola Nikon. Ho sempre pensato che fosse davvero bello e quando è morto ho ereditato le sue macchine fotografiche, avevo 11 anni. Non ci ho mai fatto molto, a parte una volta un corso di fotografia in bianco e nero quando avevo circa 14 anni. Quando la fotografia digitale è stata “inventata” ho comprato una Nikon D70 e ho iniziato a scattare foto in giro per Seattle con alcuni miei amici. È stato solo intorno al 2007 che qualcosa ha iniziato a muoversi, ho iniziato a scattare foto a persone per strada mentre andavo e tornavo dal lavoro al W Hotel nel centro di Seattle. Fotografare è sempre stato un hobby, ma quando mi sono trasferito a New York nel 2011 ha cominciato a decollare un po’. Sono stato contattato da Elle per fotografare le ragazze per le strade di Manhattan e dal momento che non sono riuscito a trovare un altro lavoro in un hotel a New York, ho avuto molto tempo a disposizione per girare per le strade di SoHo e del Lower East Side. Quando poi ho finalmente trovato un lavoro in un hotel, ho scoperto che mi piaceva tantissimo rimanere in strada a scattare foto. Anche quando ho trovato un lavoro come product photographer da Opening Ceremony a SoHo, trovavo sempre scuse per lasciare l’ufficio nella speranza di trovare persone interessanti per strada mentre andavo a prendere un caffè. Alla fine ho iniziato a viaggiare per le settimane della moda a Londra, Milano, Parigi, Copenaghen e Sydney, e i miei datori di lavoro non erano molto entusiasti all’idea che fossi sempre in giro, quindi mi hanno dato degli ultimatum e ho scelto la fotografia … ed eccoci qui.

Hai documentato momenti di street style in diverse settimane della moda in tutto il mondo. Com’è l’atmosfera nei piccoli eventi di moda? Li trovi più stimolanti? Cosa cerchi nelle persone che vuoi fotografare?

Amo le piccole settimane della moda perché riesco a incontrare persone nuove invece del cast di personaggi cliché che vediamo nelle “Big 4”. L’unico problema con i piccoli eventi è che il ritmo è molto lento, quindi mi annoio un po’. Suppongo sia un po’ un enigma. Non cerco niente. Scatto solo quello che cattura la mia attenzione. Scattare con un obiettivo specifico o cercare una tendenza specifica è estremamente noioso e consumistico. Non ho assolutamente voglia di partecipare alla propagazione del consumo.

Com’è il tuo rapporto con la moda? Ti piace quello che vedi attraverso l’obiettivo al giorno d’oggi? Quanto del tuo gusto personale e della tua documentazione oggettiva sono coinvolti nei tuoi progetti?

Mi disinnamoro un po’ di più della moda ogni stagione. È diventata banale e superficiale. Detto questo, ci sono ancora pochi designer che trovo interessanti, ma anche quei designer di nicchia vengono adocchiati da persone ricche che mancano di gusto, e a mio parare, alla fine questo distrugge il marchio.

Hai pubblicato “This is not a F * cking Street Style Book” nel 2018 e “Live From F * cking Nowhere nel 2019; in quest’ultimo ti sei concentrato sul lato itinerante della tua professione, sui tuoi viaggi e sulle cose che hai visto in giro per il mondo. Puoi dirci qualcosa di più su queste due pubblicazioni? Da dove nasce l’esigenza di creare un libro che non parlasse di moda? 

Il mondo in questi giorni si basa sulle novità e sugli stimoli costanti. È emozionante e allo stesso tempo estremamente noioso. Scatto foto e le pubblico su varie piattaforme social, ma le persone le guardano solo per una frazione di secondo e poi vengono effettivamente dimenticate. L’idea di fare un libro era quella di avere un pubblico più coinvolto, che non scorresse e non premesse due volte per mettere like. La tangibilità di un libro è importante per un fotografo. Vedere le tue immagini nella “vita reale” rispetto a uno schermo retroilluminato è molto gratificante. Le idee mi sono state proposte da Mendo ad Amsterdam e mi hanno aiutato a trovare il percorso e la narrazione giusti: l’idea di lavorare con Virgil Abloh ed Errolson Hugh per fare le rispettive prefazioni è stata GRANDE. È un bel risultato e i libri, se lo dico io stesso, sono bellissimi. Alle persone sembra piacere quello che c’è dentro e sembra stiano dannatamente bene sullo scaffale.

Rick Owens S/S 2021 backstage

Lo street style riguarda l’autenticità, significa catturare degli istanti che siano naturali. Come rimani fedele a questo principio quando ora più che mai l’impressione che otteniamo dalla fotografia di street style in generale è quella di persone che posano o fingono di essere fotografate casualmente?

Come ho detto prima, scatto quello che mi piace. Riesco a vedere l’autenticità e riesco a capire chi è stato “comprato” o chi indossa solo quello che “dovrebbe” indossare per essere rilevante. Penso che tutti i fotografi che sono stati in giro abbastanza a lungo vedano attraverso questa facciata e scelgano di non fotografare i poseurs. Tuttavia, a volte è anche importante documentare l’inautenticità perchè questo è il nuovo volto dello “street style” ed è importante mostrare quanto possa essere ridicola l’intera scena a volte. Se tutti fotografassimo solo gli uomini e le donne che sono fedeli alla loro estetica tutti si annoierebbero… poiché molti di questi stili di persone non si evolvono al ritmo richiesto dalla nostra mente-Instagram. La loro autenticità è considerata “noiosa” perché abbiamo bisogno di novità per essere stimolati… il che è un problema orribile.

Hai in mente un evento o un progetto speciale a cui ti è piaciuto lavorare? 

Le mie campagne di Tom Ford, direi, sono i miei successi più importanti. Mi piacerebbe fare di più con il signor Ford e spero di fare campagne su larga scala anche con altri marchi. 

I tuoi ritratti sono magnetici, ti ipnotizzano. Sembra che tu sia in grado di catturare ciò che sta accadendo nella mente delle persone e presentarcelo attraverso il tuo sguardo. Quanto istinto e quanta razionalità sono coinvolti nei tuoi scatti? 

Non c’è molto da pensare. Vedo un volto bello e voglio documentarlo. È tutto per me, non per lo spettatore. In effetti tutte le foto che vedi sono praticamente scattate per me, per il mio diario … e se alla gente piacciono, è meraviglioso, ma l’obiettivo principale è fare il mio viaggio ogni giorno. I volti sono coinvolgenti. I volti “belli” sono belli da guardare. Alla fine è solo un’equazione. 

Hai qualche consiglio per chi desidera approfondire questo percorso professionale? 

Scattate e basta. Ogni giorno. Fate errori. Io li faccio. Basta non fare lo stesso errore due volte. Il mio percorso non è più quello adatto da seguire. Sono atterrato nel mondo dello “street style” quando c’erano solo pochi fotografi che mi hanno preceduto. Le stesse opportunità che c’erano quando ho iniziato, adesso non ci sono più. Lo street style come genere è, direi, in declino, quindi sperare di seguire questo percorso sarebbe probabilmente inutile. Ma la fotografia ci sarà sempre, quindi suggerirei di concentrarsi su uno spettro più ampio di percorsi. 

Qualche progetto post-pandemia?

Non ho dei progetti post-pandemici. Il lavoro è effettivamente fermo, salvo pochi piccoli progetti. Il mio obiettivo post-pandemia è restare a galla.

tutte le immagini courtesy of Adam Katz Sinding

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top