Now Reading
In conversazione con l’attrice Ariana Ron Pedrique

In conversazione con l’attrice Ariana Ron Pedrique

In questa nuova intervista web abbiamo avuto l’opportunità di parlare con una stella nascente del cinema. Ariana Ron Pedrique si sta facendo un nome nell’industria cinematografica, avendo già partecipato in diverse produzioni Netflix e Amazon Prime. Dopo aver interpretato delle parti in Rosario Tijeras e José José El Príncipe de la Canción (Netflix), Two Lakes (Amazon Prime), ha lavorato sul set di Ayar, il suo debutto sul grande schermo americano. 

Ariana ha parlato delle sue esperienze passate, delle sfide che ha dovuto affrontare per intraprendere questa ardua carriera e delle paure superate durante le riprese sul set. Ci ha anche dato un paio di consigli adatti a chi come lei vuole intraprendere questo percorso, così come consigli di bellezza e un paio di considerazioni sui suoi brand preferiti.

Quando hai deciso di diventare un’attrice? C’è una particolare star di Hollywood che ammiri e che ti ispira?

Anche se ho vissuto sul palcoscenico fin da bambina crescendo in Venezuela, non mi è mai venuto in mente che la recitazione fosse una carriera vera. Questo fino a quando mi sono trasferita in Città del Messico nel 2011, e sono stata invitata a far parte della Performing Arts School CEFAT. Da allora ho capito di voler fare questo nella mia vita. Me ne sono innamorata. Prima di studiare recitazione ho lavorato come presentatrice televisiva e ho anche provato a fare la modella, ma non ho mai provato per queste professioni ciò che provo per questa. Recitare è la mia passione.

Ho una lista di attori a cui mi ispiro, che ogni volta che li guardo essere effettivamente un personaggio, rimango sempre sbalordita dal loro talento. Le loro performance mi ispirano a diventare un’attrice migliore. Sarebbe molto difficile per me non nominarli tutti – -Amo Meryl Streep, Javier Bardem, Denzel Washington, Viola Davis, Marion Cotillard, e molti altri. Ma un’attrice che ammiro profondamente -e anche mio marito direbbe ne sono ossessionata- è Jennifer Lawrence.

Rosario Tijeras è stato il numero uno di Netflix tra le serie tv per LATAM e Messico. Com’è stata la tua esperienza nel girarlo? Quali sono le sfide quotidiane che hai dovuto affrontare partecipando a una serie tv così premiata?

Mi è piaciuto molto lavorare a Rosario Tijeras. È stata una boccata d’aria fresca. Era la prima volta che lavoravo con Sony Entertainment Television, con un cast meraviglioso e due registi acclamati a Città del Messico, Alejandro Lozano e Chava Cartas. È stato un sogno che si è realizzato. Era un ambiente di lavoro così confortevole, tutti amavamo quello che stavamo facendo.

Tuttavia, l’unica sfida che ho dovuto affrontare interpretando il personaggio di Paula Restrepo è stato parlare con un accento dell’alta società messicana. Il mio accento venezuelano è molto diverso da quello richiesto per il ruolo. Ma, per fortuna, è andata alla grande perché anche oggi quando gli spettatori di Rosario Tijeras mi sentono parlare con il mio vero accento sono shockati. Significa che ho fatto bene il mio lavoro e ne sono contenta.

Hai anche girato Two Lakes in onda su Amazon Prime e José José El Príncipe de la Canción, in onda su Netflix UK e LATAM. Come ti sei approcciata a questi ruoli? Hai dovuto affrontare qualche sfida, hai aneddoti divertenti?

In Two Lakes interpreto il ruolo di Sofía, e per me la parola migliore per descriverla sarebbe celópata‘, una parola spagnola che non ha una traduzione specifica in italiano; forse il termine giusto sarebbe “malata di gelosia”. E poi ho interpretato Nora nella serie biografica di José José. Questo personaggio era una persona realmente esistita nella vita dell’icona messicana. Secondo il cantante era l’unica persona che lo ha sostenuto per tutta la vita.

Questi due personaggi non potevano essere più diversi l’uno dall’altro. Mi è piaciuto interpretare questi due estremi della natura umana. Tuttavia, anche con le loro diverse caratteristiche mi sono trovata connessa a entrambi – e con ogni personaggio che ho interpretato finora. 

La cosa pazzesca che è successa durante le riprese di Two Lakes è che, dato che questa era una miniserie di thriller, abbiamo girato in una villa antica, in una città messicana isolata chiamata Tlaxcala. Soggiornavamo tutti in un hotel terrificante vicino al luogo delle riprese. Alcune persone del cast dicevano che il posto era infestato. Succedevano cose strane, a volte gli oggetti erano fuori posto, altre volte sentivamo rumori strani. Di notte, era molto difficile prendere sonno. Più di una volta ho voluto bussare alla porta di un amico per evitare di dormire da sola nella mia camera d’albergo. È stato molto spaventoso…e divertente!

Quali sono stati i tuoi momenti migliori sul set finora?

Quando ho recitato in Ayar, ho capito quanto fosse importante suonare il pianoforte. Floyd Russ, il regista, logicamente aveva già deciso di assumere uno stunt perché non avevo mai suonato il pianoforte in vita mia. Ma dopo aver capito quanto fosse cruciale suonare il pianoforte per Ayar, due settimane prima delle riprese ho detto a Floyd che avrei voluto suonarlo io.

Ha detto “Perfetto! Hai due settimane. Ora che ci penso, è stata una cosa folle, ma sono felice di averglielo proposto. Non dimenticherò mai il momento in cui ho dovuto suonare l’intera canzone dal vivo mentre cantavo, un’altra cosa che non avevo mai fatto professionalmente in vita mia, tranne forse sotto la doccia.

Quando Floyd mi disse: “Sei pronta? Abbiamo il tempo di farlo due volte” ero così nervosa. Però, in qualche modo, ci sono riuscita. È stato di gran lunga uno dei miei momenti preferiti sul set. Mi ha ricordato che tutti siamo in grado di realizzare qualsiasi cosa vogliamo. Anche se sembra impossibile.

Hai recitato in Ayar, il lungometraggio diretto dal regista vincitore dell’Emmy Award Floyd Russ. Ayar ha recentemente debuttato alla SXSW. Puoi dirci qualcosa di più sul film e sul ruolo che interpreti? È stato è il tuo debutto nell’industria cinematografica statunitense, congratulazioni!

Grazie! Da quando facevo piccole parti in Città del Messico, ho sempre voluto interpretare un personaggio come Ayar. La sua forza mi ispira ogni giorno. Credo davvero di essere diventata più fiduciosa in me stessa dopo averla interpretata.

Sono così grata per Floyd e a tutti nella produzione per aver creduto in me. Ayar è una latina americana di prima generazione tormentata dal senso di colpa per aver lasciato indietro sua figlia per inseguire il suo sogno di diventare una cantante. Dopo cinque anni di carriera senza successo a Las Vegas, e con la pandemia incombente, il personaggio è determinato a tornare a casa e a rimediare al rapporto complicato con la figlia Jasmine (Calliah Sophie Estrada) e la madre Renata (Vilma Vega). Ma quando Renata si rifiuta di permetterle di avere contatti con Jasmine a causa del COVID-19, Ayar è costretta a fare i conti con gli errori del passato. Floyd è riuscito a trasmettere in modo molto evocativo questa storia di crescita e di guarigione.

Durante le riprese sul set hai dovuto affrontare una delle tue paure più profonde. Come hai fatto? Hai ricevuto qualche consiglio utile dal tuo team?

Sì! C’è stata una scena particolarmente impegnativa. Ho la fobia degli scarafaggi a causa di un’esperienza traumatica in Venezuela. Questa è stata una delle scene più importanti del film, l’ultima scena del giorno, l’ultima scena su quel set, e naturalmente in quel punto specifico vicino alla piscina era pieno di scarafaggi. C’era un nido. Stavano camminando sopra i nostri piedi, si gettavano in acqua. È stato sicuramente impegnativo per me, ero un casino. Ma allo stesso tempo avevamo tutti lavorato così duramente, era così tardi, mi ricordo anche Corey Waters, che è il più gentile e talentuoso direttore della fotografia con cui abbia mai lavorato, che mi abbracciò per confortarmi.

È stato così imbarazzante perché continuavo a singhiozzare! Così, mi sono detta che potevo farcela, e invece di ignorare il fatto che gli scarafaggi fossero lì, ho deciso di affrontare la mia paura e usarli per la scena. E ha funzionato! Volevamo così tanto raccontare questa storia, che abbiamo superato qualsiasi cosa.

Recitare in un film per il mondo dell’entertainment americano è un grande onore e richiede grande talento. Che consiglio daresti a qualcuno che vuole intraprendere la tua stessa carriera nel cinema?

Beh, se devo essere assolutamente onesta con te, sto ancora cercando di capirlo da sola! Finora, ho trovato tre cose che mi hanno davvero aiutata nel mio viaggio. In primo luogo, sapere chi sei e difendere le tue qualità. In secondo luogo, credere in te stessa così che anche gli altri possano crederci. E, ultimo ma non meno importante, godersi il viaggio! Siate gentili con voi stessi e con gli altri sapendo che anche quando ci si sente bloccati, si riesce comunque a tenere a mente l’obiettivo.

Se potessi tornare indietro nel tempo e parlare alla te più giovane, cosa le diresti?

Credi nel tuo sogno. Nulla è impossibile. Respira, tutto accadrà quando è previsto che accada.

Essendo LATEST principalmente una rivista di moda, questa domanda è sicuramente un must – Hai qualche brand di moda che ti piace particolarmente?

Ci sono due stilisti che mi affascinano molto -Oscar de la Renta e, naturalmente, la leggendaria Carolina Herrera. La femminilità e la raffinatezza di entrambi i brand mi piacciono molto. Adoro il modo in cui Carolina Herrera utilizza il bianco e nero nella maggior parte delle sue creazioni. E, Oscar de la Renta ha questa gioia insita nei suoi abiti che è impossibile non esserne contagiati.

Hai una skincare routine per iniziare la giornata dal verso giusto?

Ogni volta che devo girare, mi piace esfoliare il viso con del miele caldo mescolato al sale di lavanda biologico il giorno prima. Lo lascio in posa per almeno 10 minuti, poi mi lavo con un sapone ipoallergenico. Infine, mi piace idratare viso e collo -almeno due volte al giorno- con una crema naturale a base di avocado. Ultimamente, ho anche aggiunto la protezione solare alla routine. Nonostante tutti questi piccoli accorgimenti siano benefici e rilassanti, cerco sempre di ricordare che la vera bellezza si trova dentro di noi.

CONNETTITI CON LEI!

Instagram

Twitter

IMDB

http://www.arianaronpedrique.com/

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top