Now Reading
Intervista con Emily Marie Palmer: successo fa rima anche con grande etica

Intervista con Emily Marie Palmer: successo fa rima anche con grande etica

Abbiamo parlato un po’ con la giovane attrice Emily Marie Palmer, e non possiamo non sottolineare che grande impressione ha fatto su di noi. Una giovane donna piena di talento e ambizione, si, ma per giuste cause e con tanto da raccontare. Conosciuta soprattutto per i suoi ruoli in American Horror Story: Coven, come Betsy nella serie di Netflix Cobra Kai, o come la figlia di Sam Worthington nel nuovo film The Last Son. Diplomata a soli quindici anni, gran lavoratrice e socialmente impegnata con Amnesty International per la difesa dei diritti umani, ha già creato dei suoi progetti su temi davvero molto interessanti di cui potrete leggere qui di seguito.

Photos – Photographer Joey Ciccoline

E’ appena uscito il film “The Last Son”, in cui interpreti Megan la figlia del protagonista. Una storia intricata in cui recita, tra gli altri, anche Machine Gun Kelly. Puoi darci delle anticipazioni?

Sì, mi piacerebbe! Come molti spettatori e critici prima di me hanno osservato, The Last Son ha echi del mito greco del dio Cronos, che teme così profondamente di essere rovesciato dai suoi figli da divorarli. Credendo di essere condannato ad essere ucciso dal “suo stesso seme”, Isaac Lemay (interpretato da Sam Worthington) si mette alla ricerca per rintracciare e uccidere i suoi figli.

Per quanto oscura e violenta sia la premessa, tuttavia, il film ha anche momenti molto delicati e belli e in questo modo mi ricorda una vecchia ballata folk. Tante delle mie vecchie canzoni popolari preferite raccontano storie estremamente oscure e sanguinose, ma sono intrecciate in melodie morbide, liriche e belle. È uno strano accostamento che mi ha sempre affascinato.
Penso che The Last Son, con i suoi paesaggi mozzafiato e l’incantevole colonna sonora di Phil Mossman, catturi parte della magia di quelle vecchie ballate.

Hai recitato in massime produzioni come American Horror Story: Coven, la serie di successo di Netflix Cobrai Kai, la serie TV Mercy Street prodotta da Ridley Scott e il film Grand Isle, con Nicolas Cage e Kelsey Grammar. Ogni ruolo ti avrà insegnato molto e avrai sicuramente dei ricordi indimenticabili. Vuoi condividerne con noi qualcuno?

Cobra Kai è stata un’esperienza così magica per me, sotto tanti punti di vista. Ho ottenuto il ruolo durante un periodo piuttosto impegnativo della mia vita, e alla fine ho perso il “lavoro diurno” che avevo all’epoca (in un bar) a causa dei ritardi nelle riprese che mi hanno costretto “alla chiamata” in orari in cui lavoravo al bar. Sono orgogliosa di essere davvero responsabile e laboriosa e non ho mai perso un lavoro in vita mia, quindi all’epoca è stato un po’ uno shock, ed ero ridicolmente triste per questo. Ma alla fine tutto ha funzionato e, ripensandoci ora, perdere il lavoro sembra un piccolo prezzo da pagare per aver interpretato questo ruolo che amo così tanto e per essere per sempre parte dell’universo di Karate Kid. 🙂

Le prime settimane dopo l’uscita della terza stagione su Netflix, all’inizio di quest’anno, sono state un momento molto divertente per me. I flashback di Young Kreese/Betsy sono stati ben accolti dai fan, ed è stata una tale gioia dare vita a Betsy nella serie. Non vedo l’ora che uscirà la quarta stagione a breve!!

Hai molti hobby tra cui alcuni particolari come il pattinaggio sul ghiaccio o la giocoleria! Cosa fai di giocoleria?

lo faccio, davvero! Ero una pattinatrice artistica davvero appassionata quando ero più giovane, e sogno ancora di interpretare un pattinatore artistico in un film o in una serie un giorno, che mi permetterebbe di tornare sul ghiaccio e dedicare di nuovo il mio cuore all’allenamento. Sarebbe così meraviglioso! Per quanto riguarda la giocoleria, una volta io e mio fratello sognavamo di scappare e di unirci al circo o di formare il nostro numero di viaggi. Quei sogni non si sono mai materializzati, ma entrambi abbiamo imparato a essere dei giocolieri abbastanza abili. 🙂

Ti piace anche suonare e cantare, il tuo singolo “Holy Magic” è uscito da poco meno di un anno. Cosa ci racconti di questa parte della tua vita? Speri possa crescere come la recitazione?

Amo assolutamente scrivere e suonare musica. È qualcosa che ho sempre fatto e farò sempre, e non mi interessa molto se cresce o meno, o se ho un “successo” esterno in questa cosa. Nell’industria cinematografica e televisiva si deve passare molto tempo ad aspettare – o “guadagnare” – il permesso di creare. Solo per avere la possibilità di fare un’audizione, hai bisogno di un agente che sia interessato a te.

Poi devi convincere un direttore del casting che sei capace del lavoro, e poi arriva il compito di conquistare i produttori, il regista, lo scrittore… sembra non finire mai. Scrivere musica è un’esperienza così elettrizzante e stimolante per me perché sono in grado di creare qualcosa, dall’inizio alla fine, senza l’approvazione di nessuno. Fa davvero bene alla mia anima.

Abbiamo visto che ti sei da poco sposata, congratulazioni! Vuoi condividere una parte della tua storia d’amore con i nostri lettori?

Aww, è gentile – grazie mille! Mio marito Joey ed io siamo stati uniti dalla nostra arte, in realtà. È un regista e un fotografo brillante e amiamo collaborare e creare progetti insieme. Abbiamo diversi progetti in fase di sviluppo, quindi speriamo che ce ne saranno molti altri a venire.

Importantissimo per i giovani d’oggi da capire: non stare con le mani in mano e provare a raggiungere i propri obiettivi senza aspettare che ci cadano addosso. Hai scritto e prodotto tuoi contenuti, tra cui un cortometraggio che parla della seconda guerra mondiale, LES CONFINÉS (2019). Vuoi parlarci di questo progetto così interessante?

Grazie per le parole gentili! L’idea per Les Confinés mi è venuta per la prima volta leggendo A Noble Treason, di Richard Hanser, su The White Rose, un movimento di resistenza nazista fondato da un piccolo gruppo di studenti tedeschi dell’Università di Monaco. Sebbene sia stata molto interessata alla storia dell’Olocausto e della Seconda Guerra Mondiale per molti anni, non avevo davvero idea di quanto fosse profondamente misogina l’ideologia nazista prima di leggere questo libro. Le donne tedesche erano fondamentalmente viste come poco più che allevatrici che avevano il dovere di generare figli maschi e di allevarli per essere forti guerriere. Le donne senza figli, quindi, erano viste come inutili fardelli per la società.

Ovviamente, va da sé che l’oppressione vissuta dalle donne tedesche in questo periodo impallidisce assolutamente in confronto allo sfruttamento e al genocidio sperimentato da ebrei, persone LGBTQ+ e disabili, e altri, ma ho voluto esplorare un incontro casuale tra la protagonista del film , una rifugiata ebrea di nome Esther e Gisela, una casalinga tedesca abusata e senza figli. Mi interessavano i piccoli fili di comunanza che potrebbero esistere tra queste due donne, la coesistenza di pregiudizio ed empatia e il potere della solidarietà femminile.

Ti interessa anche la produzione, oltre la recitazione? Dati i tuoi contenuti profondi, ci sembra tu abbia molto da dire e “tirare fuori”.

Grazie! Sì, molto. Ho scritto e prodotto Les Confinés, oltre a un breve progetto documentario per sensibilizzare riguardo il genocidio del popolo uiguro portato avanti dal Partito Comunista Cinese. Ho anche scritto una sceneggiatura per un lungometraggio e attualmente sto lavorando alla mia seconda stesura, che spero di realizzare nel 2022!

Ci fa piacere vedere che sei una grande sostenitrice di Amnesty International e dei diritti umani. Pensi che i social media possano aiutare la diffusione (una volta tanto) di giusti concetti?

Lo penso, si. Tuttavia, penso che le informazioni infiammatorie, come l’incitamento all’odio e la disinformazione, si diffonderanno sempre più velocemente online di qualsiasi altra cosa a causa dei modelli basati sul coinvolgimento utilizzati da tutte le principali piattaforme di social media. C’è una frase utile da ricordare: “Se non paghi per il prodotto, il prodotto sei tu”. Cerco di tenerlo a mente ogni volta che accedo a Instagram o Twitter. Queste aziende stanno approfittando della quantità di tempo in cui rimango impegnata, e quindi hanno un interesse acquisito nel bombardarmi di informazioni che mi frustreranno, mi distrarranno o mi oltraggeranno. Detto questo, molte cose buone possono (e succede!) accadere anche sui social media. Penso che tutto riguardi gli utenti che hanno il consenso informato su come funzionano gli algoritmi e scelgono consapevolmente con cosa interagiscono e cosa condividono.

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top