Now Reading
Intervista Esclusiva con la designer Jiwon Ra

Intervista Esclusiva con la designer Jiwon Ra

La multiculturalità è un qualcosa che ci piace moltissimo e in cui fermamente crediamo, come parte dell’essenziale processo generativo delle belle arti. Più ci si arricchisce con conoscenze da tutto il mondo, più si viaggia e si impara l’importanza dell’essere “cittadini del mondo”, e più la propria arte cresce. Non c’è dubbio su questo. E’ il caso della designer Jiwon Ra e dei suoi fantastici lavori. Abbiamo avuto il piacere di parlare con lei della sua vita in vari Paesi del mondo, ultimo dei quali gli Stati Uniti, della sua nuova collezione e dei suoi progetti futuri.

Raccontaci del tuo background. Com’è stato crescere e vivere in città diverse (Seoul, Londra, Hong Kong, Tokyo e New York)? Come pensi che crescere lì abbia formato il tuo lato artistico?

Mi chiamo Jiwon “Christine” Ra. Sono nata a Seoul, ma mi sono trasferita nel Regno Unito all’età di 6 anni. Mi sono trasferita a Hong Kong dove ho passato gli anni del liceo, poi la mia famiglia è andata a vivere a Tokyo, e mi sono trasferita a New York per studiare moda Design e Belle Arti alla Parsons School of Design. Di conseguenza parlo quattro lingue: coreano, inglese, mandarino e tedesco, quindi sono una ragazza della terza cultura in tutto e per tutto e la mia identità globale è una parte importante di ciò che sono. In qualità di Fine Artist e Fashion Designer, il mio lavoro è saldamente radicato nella mia educazione multiculturale e nelle mie osservazioni quotidiane. Crescere in tutto il mondo non solo ha plasmato il mio occhio artistico, ma ha anche coltivato la mia prospettiva/vista unica sul mondo.

Come ti sei avvicinato alle belle arti, alla scultura e al fashion design? Ci racconti la tua carriera?

Ho disegnato, dipinto, scolpito e cucito senza sosta per tutta la mia vita, dal momento in cui ho raccolto gli strumenti per farlo. Negli ultimi anni, ho iniziato a fondere il mio impegno nelle forme d’arte 2D/più tradizionali con l’arte indossabile, e il mio attuale interesse per la creazione di capi scultorei e unici lo riflette.
Per quanto riguarda il Fashion Design, sono stata introdotta per la prima volta nell’industria della moda come modella quando avevo 12 anni, e man mano che crescevo e il mio occhio/apprezzamento per la moda cresceva, la mia attenzione e il mio interesse si spostavano dall’essere davanti alla telecamera a essere il creatore dei capi che indossavo. Per me questa è stata una transizione piuttosto organica.

Potresti presentarci la collezione SS22 Memory Relocation Life in Motion?

L’iconografia delle scatole, e quindi dei cubi, viene esplorata attraverso una varietà di mezzi tra cui filo metallico, ceramica, tessuto e tubazioni in PVC in tutta la collezione “Memory Relocation Life in Motion”. Oltre alle sculture indossabili sui modelli, ho anche presentato un libro d’artista su larga scala, rilegato a mano, che mostra studi architettonici concettuali basati su sculture che ho creato con filo, gesso, ceramica e sculture modulari nell’ultimo anno.

Raccontaci l’ispirazione dei tuoi lavori. Trai ispirazione da qualcosa, ovunque o da chiunque per aiutare la creatività?

Le scatole in movimento hanno molto significato simbolico per me, quindi l’ho usate insieme all’iconografia dei cubi. Volevo esplorare l’idea di scatole in molti materiali diversi, inclusi filo metallico, ceramica e patchwork. Queste sculture mi aiutano a spostare i miei ricordi, le esperienze e gli attaccamenti profondi legati a ogni luogo dal passato al presente, ovunque io vada. Ispirata dal libro “Pachinko” di Min Jin Lee, un buon modo per descrivere questo progetto è che media su “ciò che gli immigrati sacrificano per ottenere una casa nel mondo, si interroga su cosa significhi essere parte di una nazione e cosa può essere fatto per sfuggire ai suoi legami rigidi, sistematici, intimi.

Quale ritieni sia la tua parte preferita nel processo del tuo lavoro?

Nell’aprile 2020, al culmine del COVID a New York, sono andata a Jejudo Island in Corea del Sud, dove ho avuto la fortuna di incontrare il professor 한홍곤, un famoso artista della ceramica sudcoreano con sede a Jejudo. Ha accettato di accogliermi mentre il suo apprendista mi ha insegnato il suo unico processo di ceramica e gli smalti che ha sviluppato – le tecniche e l’apprendimento dei quali ho applicato alla collezione “Memory Relocation Life in Motion”. Durante i quattro mesi in cui sono stata lì persone da tutto il mondo sono venute a visitare il suo studio. La mia parte preferita di quell’esperienza è stata incontrare e lavorare con una gamma eclettica di persone in studio, ispirandomi alla condivisione di idee ed esperienze mentre affinavo un mestiere che ci collega tutti. È così importante mostrarsi e immergermi nel lavoro di altri artisti/designer, stringere amicizie che portano a collaborazioni e dare e ricevere supporto. Allo stesso tempo credo che sia altrettanto, se non più importante presentarsi per lavorare, sperimentare e fare pratica nel mio studio per progredire nel mio percorso creativo senza scuse – ed è quello che mi piace fare maggiormente.

Ci presenti la Collezione Denim Tea Party AI22?

DENIM TEA PARTY è composta da look in denim meticolosamente costruiti a mano combinando le tradizionali tecniche di patchwork boro e silhouette sperimentali altamente stilizzate.

Raccontaci dei tuoi riconoscimenti e premi.

Più di recente sono stata premiato alla Goodwill Evening of Treasures, un evento annuale ospitato da Goodwill NYNJ per raccogliere sostegno per la loro missione di aiutare a salvaguardare il nostro ambiente. Sono stata la vincitrice del Goodwill x Parsons & FIT 2021 Sustainable Design Competition, quindi sono stata invitato a parlare all’evento. Credo che l’obiettivo di questo evento fosse aumentare la consapevolezza e celebrare i designer (come me, Greg Lauren, Tracy Reese, Yeohlee Teng) che utilizzano i rifiuti pre e post-consumo per creare capi riciclati nel loro lavoro. Ho donato la mia opera d’arte all’asta che hanno tenuto per mettere i disoccupati che hanno perso il lavoro a causa del COVID, aiutando le persone con disabilità a garantire l’indipendenza e abbattendo le barriere razziali all’occupazione. Il mio progetto è stato offerto e venduto per beneficenza a sostegno del Goodwill COVID-19 Crisis Fund.

Cosa speri di fare tra 5-10 anni?

Spero di continuare a creare più opere d’arte con l’obiettivo di ridurre al minimo gli sprechi tessili all’interno dell’ambiente, sfidare le infrastrutture che sono radicate in rifiuti e inefficienza e offrire a una base di consumatori più consapevoli un prodotto che non è solo realizzato in modo sostenibile, ma ha un livello di intimità che, nel tempo, cresce con il proprietario.

Website and Social Media:

Instagram: @jiwonchristinera @cjrarchive

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top