Now Reading
Non abbassare la luce per mettere a proprio agio le altre persone: in conversazione con Melody Butiu

Non abbassare la luce per mettere a proprio agio le altre persone: in conversazione con Melody Butiu

Siete pronti a leggere il miglior consiglio per aspiranti attori/attrici? Si, perchè Melody Butiu non è solo una professionista ineccepibile, ma è anche una persona davvero fantastica e solare, capace di trovare la luce in qualsiasi angolo di buio. Dal palcoscenico di Broadway al grande schermo, Melody racconta di sé e delle sue esperienze divertenti sui set!

Photography by Ben Cope

Quando hai deciso di diventare attrice? C’è una particolare star di Hollywood che ammiri e che ti ha ispirato?

Ho amato cantare sin da quando ero una bambina, ma non ho davvero scoperto la recitazione fino al liceo, quando sono rimasta sbalordito dalla produzione scolastica di Sweeney Todd. Sono stata ispirata dal mio coinvolgimento nel coro a a iniziare a fare il salto, prendendo lezioni di recitazione e sono stata immediatamente coinvolta nei musical scolastici. Ho iniziato a recitare in più spettacoli al college e ho persino girato il paese con una compagnia teatrale asiatica americana. Frequentavo le lezioni durante la settimana e viaggiavo nei fine settimana verso le università di tutti gli Stati Uniti per spettacoli e workshop. Ho conseguito la laurea e il master in teatro e recitazione alla UCSD.

Ho ammirato Sandra Oh per così tanti anni. Abbiamo recitato insieme in uno spettacolo intitolato Dogeaters di Jessica Hagedorn al La Jolla Playhouse quando ero alla scuola di specializzazione, ed è stato meraviglioso vedere la sua carriera salire alle stelle. Il modo in cui affronta le sceneggiature con arguzia, gioia, intelligenza, impavidità e abbandono è così elettrizzante.

Quali sono stati i tuoi momenti migliori sul set finora? Anche in riferimento alle tue apparizioni in tv?

Easter Sunday è stata di gran lunga la più divertente apparizione che abbia mai fatto. È stato incredibile far parte dell’ensemble principale, creare una famiglia con tutti questi attori brillanti. Con le mie apparizioni televisive sono stata principalmente un ospite, girando per un giorno o due o fino a una settimana. Ogni set è diverso ed è divertente entrare e giocare.

Ricordo un episodio di Desperate Housewives che feci anni fa. Ho interpretato un’infermiera che stava portando un mucchio di palloncini per il personaggio di Teri Hatcher, Susan, che aveva appena avuto un bambino. La scena richiedeva che lei facesse scoppiare i palloncini sopra la mia testa, e la quantità di esperimenti che abbiamo fatto per ottenere la giusta qualità di POP è stata così divertente per me. Palloncini di alluminio, infilare uno spillo nella penna usata come supporto per far scoppiare i palloncini, provare tutte le varie quantità di aria nei palloncini, in modo che le esplosioni fossero soddisfacenti… ci è voluta molta pazienza e tempo, e ammiro gli oggetti del dipartimento di scena per affrontare la sfida. La nostra regista, Bethany Rooney, ha detto di aver apprezzato la mia concentrazione e la mia capacità di entrare subito in gioco ad ogni ripresa ed essere comunque divertente.

Photography by Ben Cope

A proposito di teatro, invece, hai partecipato a molti spettacoli. Cosa preferisci per ora? Teatro o cinema?

Sono entrambi così diversi! Far parte del cast della domenica di Pasqua è stato un sogno che si è avverato. È stata una gioia creare questo personaggio, far parte di un meraviglioso gruppo di artisti ed essere sul set per due mesi. Ho imparato così tanto e sarei entusiasta dell’opportunità di fare più film. Ho dovuto ricordare a me stessa che una volta terminate le riprese, tutto il resto era fuori dalle mie mani. Dopo, durante il processo di editing, avviene molto più storytelling. Con il teatro invece sono presente durante tutto il processo delle prove, e certamente ad ogni spettacolo. C’è qualcosa di terribilmente eccitante nel condividere lo spazio con un pubblico, nell’ascoltare le loro reazioni, nel portarlo in un viaggio dall’inizio alla fine senza fermarsi. Durante la corsa, che a volte può durare quattro settimane o talvolta diversi mesi, le esibizioni si approfondiscono e crescono e tu continui a fare scoperte lungo il percorso. È molto speciale. Alcune delle mie esperienze più gratificanti sono state a teatro, quindi lo vorrei sempre nella mia vita.

Puoi dirci qualcosa in più sul tuo ruolo da protagonista nella serie comica di Universal Pictures e Amblin “Easter Sunday”?

In Easter Sunday la star della cabaret, Jo Koy, interpreta un uomo che torna a casa con suo figlio dalla loro famiglia ribelle, litigata, mangiata, bevuta, ridente e amorevole in questa lettera d’amore alla comunità filippina americana. Interpreto Tita Yvonne, la cugina di Jo. Sono la figlia maggiore di Tita Theresa (interpretata da Tia Carrere) e faccio parte della famiglia allargata. Sono una Tita (o zia) per Joe Junior (interpretato da Brandon Wardell). Sono più un ruolo di supporto e faccio parte di un piccolo coro greco di Titos e Titas che fanno parte della celebrazione della domenica di Pasqua. Sono il tipo di Tita che è pronta a far esplodere la macchina del karaoke, a tormentarti con chi stai uscendo, invadere un po’ troppo il tuo spazio personale, inondarti di baci e riempire la stanza di gioia e risate.

Come è stata la tua esperienza sul set Hai qualche aneddoto divertente?

Ogni giorno era pieno di un’incredibile ilarità. Ci siamo divertiti così tanto a farci ridere a vicenda, sul set, ma gran parte del legame e della vicinanza sono avvenuti fuori dal set. Poiché abbiamo girato durante il Covid, abbiamo trascorso la maggior parte del nostro tempo libero insieme nella nostra bolla del cast. Esploravamo i mercati alimentari all’aperto, andavamo in bicicletta lungo il lungomare, trascorrevamo del tempo nei parchi e facevamo shopping. Un giorno abbiamo fatto una grande cena filippina per celebrare il compleanno di Jo, abbiamo fatto scoppiare la macchina del karaoke, cantato a squarciagola, Tiffany e Jo hanno raccontato storie sui loro primi anni alla Laugh Factory, ci siamo esibiti in spettacoli musicali, abbiamo ballato e urlato dalle risate! Eugene Cordero e Asif Ali si sono persino lanciati in un atto di improvvisazione in cui erano i nostri direttori delle attività delle navi da crociera. Era uno dei nostri pochi giorni liberi e volevamo solo trascorrerlo l’uno con l’altro, organizzando la festa più filippina di sempre. Ore e ore di risate!

Che consiglio daresti a qualcuno che vuole intraprendere la tua stessa carriera nel cinema?

Abbraccia le cose che ti rendono unico. Appoggiati alle cose che ti rendono diverso. Sii sempre curioso. Vivi una vita piena di avventure, relazioni, amicizie, famiglia, celebrazioni, interessi, hobby, esplorazioni, grandi passi avanti e fallimenti. Tutte queste cose influenzeranno la tua abilità artistica e ti daranno molto di più da cui attingere quando lavori sulla tua creatività.

Se potessi tornare indietro e parlare con una te più giovane, cosa le diresti?

Sei prezioso e sei importante esattamente come sei. Il tuo percorso sembrerà così diverso da quello di chiunque altro, ma continua a fare ciò che ami, continua ad essere gentile e ad apprezzare coloro che ti circondano e confida che avrai una vita piena e bella. Non paragonarti agli altri, ai loro sguardi, ai loro percorsi o alle loro scelte. Non rimpicciolirti e non abbassare la luce per mettere a proprio agio le altre persone. Puoi sfidare te stessa. Puoi fare cose difficili. Ti sorprenderai con tutto ciò che sei in grado di fare. Queste sono tutte cose incredibili. Continua.

Poiché LATEST è principalmente una rivista di moda, questa domanda è un po’ un must per noi. C’è qualche marchio di moda o stilista che ti piace particolarmente e che ritieni ti rappresenti?

Per il red carpet di Easter Sunday, il moderno Terno rosso con perline di Oliver Tolentino per Tia Carrere e l’abito lilla senza spalline di Bessie Besana con poncho trasparente e piume per Lydia Gaston sono stati sbalorditivi. Per il mio look ho preso in considerazione un bellissimo abito di RC Caylan, ma ho finito con uno splendido abito di Fouy Chov. Per la vita di tutti i giorni gravito verso colori audaci, e ho amato Diane von Furstenberg, FARM Rio e The Kit (quelle pubblicità su Instagram mi hanno preso!). Di recente ho anche raccolto pezzi di ispirazione filippina da Vinta Gallery e TheMestizoLA. Per le scelte più classiche e casual Madewell, Lucky Brand e Free People sono alcuni dei miei preferiti. Per il design dei gioielli sono una fan di Janna Conner, Luv AJ e Kendra Scott.

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top