Now Reading
Rendere l’attivismo alla moda

Rendere l’attivismo alla moda

Nelle ultime settimane, i notiziari e le piattaforme dei social media sono stati inondati con la situazione dell’Australia in fiamme. Il continente non ha alcuna familiarità con questo tipo di catastrofi naturali, anche se spesso affronta gli incendi durante la stagione secca. Stavolta questi incendi – segnati da forti venti, caldo secco e siccità – sono diventati alcuni dei peggiori della storia mai registrati. Ad oggi, si stima che siano morti oltre 500 milioni di animali della fauna selvatica del paese, indifesi tra le fiamme che hanno consumato il loro habitat naturale. Mentre questa notizia è certamente scoraggiante, si può trovare conforto nell’erogazione di supporto da parte di titani in ogni settore, dal cinema alla moda fino alla famiglia reale.

Greta Thunberg

Da quando Greta Thunberg ha messo in atto la sua campagna Fridays for Future nell’agosto del 2018, il pubblico si sta lentamente svegliando alla realtà che il clima sta cambiando e non in meglio.

Quello che è iniziato come un movimento sostenuto solo da una manciata di ragazzi ha preso rapidamente piede e centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo mostrano solidarietà per salvare il pianeta da eventuali distruzioni.

Se sembra che il mondo sia stato inghiottito da un disastro naturale dopo l’altro, è perché sta succedendo. Solo nel 2019, la comunità globale ha visto l’uragano Dorian colpire le Bahamas come l’uragano più forte che abbia mai colpito il paese, l’India soffocata dall’aria tossica, i parigini hanno sentito gli effetti della temperatura più calda registrata nella storia e l’Amazzonia ha perso 2,2 milioni di acri per una fiammata incontrollata. E se questo non è affatto un importo irrilevante, l’Australia ne ha attualmente persi circa 12 milioni.

Fire comparison chart

I nativi dell’Australia stanno facendo il possibile per salvare la loro patria. Nicole Kidman e Keith Urban hanno donato $ 500.000 per porre fine alla devastazione, Margot Robbie ha condiviso intimi album di foto di famiglia sui social media e ha chiesto l’aiuto del pubblico, e Russell Crowe ha dedicato il suo discorso di accettazione dei Golden Globe del 2020 all’imminente pericolo di chiudere ancora gli occhi ai disordini climatici. Le loro controparti americane stanno anche facendo del loro meglio per aiutare.

WASHINGTON, DC – OCTOBER 25: Actress Jane Fonda is arrested during the “Fire Drill Friday” Climate Change Protest on October 25, 2019 in Washington, DC . Protesters demand Immediate Action for a Green New Deal. Clean renewable energy by 2030, and no new exploration or drilling for Fossil Fuels. (Photo by John Lamparski/Getty Images)

Joaquin Phoenix, Jane Fonda, Amber Valletta, Diane Lane e numerose altre celebrità sono state arrestate mentre protestavano pacificamente contro il cambiamento climatico; P!Nk ha recentemente promesso $ 500.000 per alleviare gli incendi boschivi oltre ai $3 milioni donati da Leonardo DiCaprio; e innumerevoli magnati (Bella Hadid, Kourtney Kardashian, ecc.) hanno persino fatto il passo in più per piantare nuovi alberi al fine di sostituire quelli che sono stati persi in questi tempi difficili.

Non è più fanatico preoccuparsi dell’ambiente in cui viviamo, può essere di moda. Non ci vuole uno sconvolgimento completo del proprio stile di vita per fare la differenza necessaria per attuare il cambiamento, basta prendere una decisione consapevole dopo l’altra. E se hai paura di non sapere nemmeno da dove cominciare a ridurre la tua impronta di carbonio, considera ciò che dice la Chef Zero-Waste Anne-Marie Bonneau: “Non abbiamo bisogno di una manciata di persone che fanno perfettamente zero rifiuti. Abbiamo bisogno che milioni di persone lo facciano in modo imperfetto. ”Allora, che ne dici? Renderemo la sostenibilità il nuovo “black colour”?

words Kate Macchi

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

Marta Forgione - president, chief editor

Scroll To Top