Now Reading
“The Factory” editoriale

“The Factory” editoriale

Come tutti sappiamo, la moda è una delle principali fonti di fabbricazione di prodotti desiderabili del mondo. Ma abbiamo sempre idea da dove provengano gli oggetti che acquistiamo? Gli esperti parlano di un forte peggioramento, durante la pandemia, delle condizioni dei dipendenti del settore tessile dei Paesi non occidentali. Condizioni che non erano già delle più rosee. Questo processo di sfruttamento parte dagli anni ’70, con la globalizzazione, quando le aziende hanno dislocato la loro produzione nei Paesi sottosviluppati. Iniziò un’era di lavoratori nascosti da complesse filiere del luogo con cui sono iniziate collaborazioni.

Questo sistema di sfruttamento stava vedendo una piccola svolta grazie all’informazione dei consumatori, che stavano imparando a tenere sott’occhio ciò che acquistavano. Purtroppo, con la pandemia e la perdita di denaro da parte di tutti, la situazione è nuovamente degenerata. Sta a noi consumatori continuare ad acquistare in modo consapevole e non perdere di vista l’obiettivo finale. Obiettivo che vede tutte le aziende dell’abbigliamento impegnate a dimostrare l’intera filiera che utilizzano.

Preview dal numero S/S 20222
SCOPRI DI PIU’

Photography Patrick Schwalb

Style Tu Anh Ngo c/o Liganord Agency

Model Yvonne Bevanda c/o Munich models

Hair Style, Makeup Tobias Binderberger c/o Bigoudi

Digital Assistance Maike Denecke

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

 

Scroll To Top