Now Reading
Un Viaggio nella mente dell’Artista: Philippa Langrish

Un Viaggio nella mente dell’Artista: Philippa Langrish

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Beka Shane Denter che ci ha presentato questa lodevole artista, e ha voluto condividere con noi la sua intervista esclusiva. Philippa Langrish ci ha raccontato della sua arte, della sua vita e dei suoi innumerevoli viaggi, lasciandoci così stupefatti di quanto potremmo fare e dare, di quanto stiamo tutti perdendo tempo mentre potremmo meravigliarci ogni giorno della bellezza e imparare qualcosa di nuovo. Parlando con Philippa la troviamo completamente immersa nella storia della sua vita, così profondamente da poter arrivare al cuore del mondo; possiamo percepire la sua gioia in modo semplice e diretto.

Qual è il tuo primo ricordo dell’arte?

Il mio primo ricordo è di quando avevo circa sei anni. Ero a scuola e alla classe era stato chiesto di disegnare una casa. Ci ho trascorso ore ed ero così orgogliosa di ciò che avevo creato. Ricordo che volevo condividere la mia immagine con tutti. Mia mamma salverebbe tutta la nostra arte e la metterebbe caoticamente in scatole vicino alle scale. Ricordo ancora lo stile di tutte le piccole persone e case che io e mia sorella disegnavamo.

Philippa at work

L’arte è sempre stata una parte di te, come un qualcosa per cui hai interesse da sempre?

Sicuramente! Ho avuto difficoltà a studiare a 11 anni e avrei trascorso gran parte del mio tempo libero nel nuovo studio artistico della scuola, per fuggire nel mio piccolo mondo. Ricordo di aver ammirato il lavoro degli studenti più grandi e ricordo ancora un dipinto di un uomo e una donna che si abbracciavano, era così bello. La nostra insegnante d’arte aveva una politica a porte aperte. Era stata una studentessa a scuola e dopo la laurea aveva deciso di restare a insegnare lì per tutta la sua carriera. Era così contenta. Mia mamma era ossessionata dal portarci in gallerie, case signorili e musei. Così spesso prendevamo il treno per Londra e immaginavo i volti delle persone nella metropolitana disegnati a carboncino.

A quale stadio della vita ti sei reso conto di voler essere un artista? È stato quando eri giovane o è stata una passione che si è sviluppata nel tempo?

Non pensavo al fare carriera da bambina. Mi sono resa conto che volevo diventare un’artista quando ho finito l’università e avevo bisogno di trovare un lavoro a tempo pieno. Avevo completato un periodo di lavoro con un’azienda di restauro artistico e l’ho adorato. Successivamente ho visto un annuncio sul giornale locale per ricerca di un’artista che avrebbe lavorato al fianco di uno sviluppatore di proprietà, quindi ho inviato il mio portfoglio e ottenuto il lavoro. E’ stato idilliaco. Ho lavorato per diversi mesi in uno studio sul fiume Tamigi, creando grandi paesaggi astratti per case di gente dello spettacolo e diversi dipinti di animali bizzarri per un asilo nido.

Hai studiato formalmente arte?

Ho studiato arte fino all’età di 18 anni. Ho avuto un’incredibile insegnante dai 16 ai 18 anni che è rimasto sgomento quando non ho scelto di studiare arte all’università. Invece ho studiato per una laurea in letteratura inglese alla Sussex University (la mia altra passione) e ho continuato a seguire lezioni di disegno per conto mio. Ho continuato completando un Master in Pratica teatrale avanzata presso la Central School of Speech and Drama e mi sono innamorato della scenografia del teatro contemporaneo. Successivamente ho lavorato a progetti di installazione teatrale a Londra. Sono durati solo pochi mesi e non potevo permettermi di vivere a Londra con la paga. Così ho ottenuto un lavoro fuori Londra in un brillante teatro chiamato Rose of Kingston, dove ho lavorato con una piccola squadra (incluso il leggendario Sir Peter Hall) al programma di sviluppo, riuscendo anche a mantenere un piede nel lato creativo delle cose, e occasionalmente contribuendo alle mostre e vendendo la mia arte. Dopo otto anni di lavoro per teatri, festival e centri d’arte, mi sono trasferita in Francia con mio marito e ho creato un piccolo studio artistico per bambini.

Flo Rubber cut oil with Chinese ink flow – 57cm x 85.6

Sul tuo sito web dice che sei anche una scrittrice. Che tipo di scritti?

Sì. Mentre mi preparavo a trasferirmi dalla Francia alle Filippine, ho incontrato una signora di nome Katja che voleva scrivere un film sul mio studio d’arte in Francia. Le ho spiegato che mi stavo trasferendo nelle Filippine e le sue orecchie si sono drizzate. È la redattrice di un sito web di viaggi chiamato Globetotting. Una cosa ha portato a un’altra e mi sono ritrovato come sceneggiatrice di avventurosi viaggi di famiglia nelle Filippine e in altre parti dell’Asia. Ero elettrizzata all’idea di utilizzare la mia laurea in letteratura inglese! Ho scritto articoli su molte isole, così come il Giappone, Hong Kong e in seguito ho scritto articoli per The Telegraph, World Traveller e Condé Nast Traveller.

Hai fondato Tableaux Arts nel 2016. Cosa l’ha ispirato? Cosa ti ha fatto decidere di renderlo ufficiale?

Vivevo nelle Filippine e ricevevo molte commissioni. Ogni mese creavo un’opera per un cliente privato, un hotel o un murale per uno spazio pubblico. Ho deciso che era tempo di creare un marchio per organizzare i diversi progetti su cui stavo lavorando e commercializzare il mio lavoro in modo più efficace.

Quali sono alcuni dei temi ricorrenti nel tuo lavoro?

Sono molto attratta dal rapporto tra madre e figlio e dal viaggio della vita di una donna. Adoro la pittura figurativa e l’incisione, e spesso faccio studi sulle donne in diverse fasi della loro vita – come ragazze, giovani donne e donne incinte. Il mio lavoro riflette la mia vita; Interpreto donne che viaggiano attraverso i continenti con i loro figli al seguito. Tematicamente, ho lo scopo di evocare un senso sia di radicamento che di sradicamento. Lo faccio usando simboli ricorrenti di mappe, uccelli, piante e farfalle.

Maman du Monde

Sono particolarmente attratta dal tuo lavoro intitolato “Maman Du Monde”. Qual è l’ispirazione dietro questo progetto?

Grazie. Adoro anch’io questo lavoro. Maman du Monde rappresenta la nostra esperienza condivisa come donne. Come siamo tutte collegati alla Terra e sebbene le nostre storie e circostanze siano diverse, i temi sono sempre gli stessi. Il titolo si traduce in Madre Terra e ha un aspetto riflessivo, forse malinconico. Al momento in cui l’ho dipinto, ho sentito che la Madre Terra stava prendendo pugni dal genere umano. Vivendo nelle Filippine, ho letto le notizie sui giornali degli ambientalisti assassinati per le loro ricerche. Ho visto piccole comunità corrotte da compagnie minerarie e truffate nel lasciarle contaminare le fonti d’acqua. Maman du Monde è coperta dai disegni tribali degli Ifugao e dai motivi di tessitura del Mangyan. Le sue mani sono dipinte come quelle di una donna indiana e i suoi capelli sono intrecciati. Il suo terzo occhio è visibile sulla sua fronte per indicare la sua intuizione e conoscenza. Spera in un futuro migliore per Womankind – un futuro in cui ogni donna al mondo possa camminare a testa alta, senza paura o dubbio.

Sei di Londra ma hai vissuto in molti paesi. Quali paesi in particolare? Cosa ti ha portato all’estero?

Sì, adoro viaggiare e lavorare all’estero. Ho iniziato a viaggiare non appena ho lasciato il college. Come molti giovani ho trascorso un anno ad esplorare il mondo. Ho fatto tre lavori per risparmiare abbastanza soldi per il viaggio. Ho trascorso le mie giornate lavorando per un’azienda di restauro di opere d’arte. Durante i fine settimana lavoravo in una casa di cura e la sera ho spillato le pinte in un pub. Alla fine, ho incassato un biglietto per il giro del mondo che mi ha portato a Singapore, Indonesia, Australia, Tailandia e Malesia. In seguito, al mio partner è stata data la possibilità di trasferirsi da Reading (Regno Unito) a Trinidad. Al termine del contratto, abbiamo programmato di trasferirci in Europa perché entrambi amiamo la montagna. Abbiamo cercato lavoro a Ginevra per poter vivere vicino alle Alpi. Dopo alcuni anni e un bambino più tardi, ci è stata data l’opportunità di trasferirci a Manila (Filippine) con il suo lavoro. Le Filippine sono state un periodo straordinario della mia vita. Sono stata davvero fortunato a scrivere del Paese. Viaggiavo su base mensile e, come avessi mille mani, ci inserivo le mie commissioni di pittura e allevavo due bambini. Dopo sei anni a Manila eravamo pronti a trasferirci in Costa Rica per un’altra avventura. Avevamo le valigie piene e avevo iscritto i bambini in una scuola di San José. Tuttavia, tre settimane prima della nostra partenza, a mio marito fu chiesto di cambiare rotta e di trovare lavoro a Miami. Ricordo molto chiaramente quel momento. Eravamo tutti in una stanza d’albergo a Hong Kong, dove mi era stato chiesto di scrivere un film su Kowloon. Mio marito ha terminato la sua chiamata, ha fatto un respiro profondo e ha detto: “sembra che ci stiamo trasferendo a Miami anziché in Costa Rica!” “Oh bene”, ho detto, “lasciati solo andare con il flusso”.

Doze Rubber cut oil – 61cm x 72

In che modo il tuo tempo in ogni paese e cultura ha ispirato il tuo lavoro? C’è stato un posto in particolare che ha giocato un ruolo chiave nel tuo stile?

Decisamente. Vivere all’estero è stato il catalizzatore dello sviluppo come artista. Sono stata ispirato dalla bellezza delle Alpi. Sono così mozzafiato. Tuttavia, è stato in Asia che ho davvero girato l’angolo con il mio lavoro. Mi sono esercitata in uno studio con due professori della Filipino University che sono stati incredibilmente stimolanti. Mi hanno insegnato l’arte della stampa, quindi sono stata in grado di combinare ciò che avevo imparato come pittrice con questa nuova tecnica. Sebbene Manila non sia un’area di bellezza naturale, le persone sono belle dentro e fuori. I filippini sorridono sempre. Sorridono anche quando i loro cuori si spezzano. Ricordo di aver chiacchierato con una signora nel parco un giorno e mi stava raccontando una storia molto triste su come aveva lasciato il suo bambino a lavorare in Medio Oriente. Ha detto che il seno le faceva male sull’aereo per il Kuwait a causa del latte che non aveva dove andare. Stava sorridendo per tutto il tempo in cui ha raccontato la storia. Le ho chiesto “Perché sorridi, è così triste.” Mi guardò negli occhi e disse: “Se non sorridessi, piangerei”. Mi sono ispirato molto a questa forza di spirito. Qui a Miami sono di nuovo ispirata dalla bellezza naturale e dalla sorellanza che mi circonda. Lavoro in uno studio con un’artista cubano di fibre che mi ha insegnato molto sul lavoro sul tessuto. Ancora una volta, sono in grado di trovare nuove tecniche su cui tradurre il mio stile artistico.

Lavori su dipinti su piccola scala e murali di grandi dimensioni per spazi interni ed esterni. È un processo continuo spostarsi tra queste due dimensioni e stili? In che modo l’esperienza artistica è diversa tra i due?

Lavorare su pezzi di grandi dimensioni richiede più coraggio (e tempo). Il processo è diverso perché i murali spesso contengono molti meno dettagli. Adoro la sfida di un murale e cogliere l’opportunità quando si presenta. Il primo murale che ho realizzato è stato piuttosto snervante. Ero sola nelle calde strade sudate di Manila e dipingevo un edificio pubblico. Faceva così caldo! I risultati però sono sempre davvero soddisfacenti poiché molte più persone vedranno il lavoro.

Quali artisti ti ispirano? E perché?

Oh, ce ne sono così tanti. I miei primi amori sono gli artisti britannici Jenny Saville, Millais, Turner e Lowry. Adoro il modo in cui Jenny Saville è così onesta con la sua rappresentazione del corpo. I suoi autoritratti sono spietati e i toni della carne sono incredibili. Da bambina ero innamorata dell’Ophelia del pittore preraffaellita Sir Everett Millais, che si trova nella Tate Britain (a soli 30 minuti da casa mia). Ho trovato l’immagine così meravigliosamente tragica. Le scene industriali di Lowry mi hanno sempre ispirata con le persone che sembrano così impegnate. Trovo il pallet Turner molto tranquillo e adoro il modo in cui fonde i colori. Sono anche una grande fan delle sculture di Giacometti, Barbara Hepworth e Rodin. Penso che il mio amore per la scultura abbia influenzato il mio desiderio di perseguire la pittura figurativa e l’incisione. Di recente sono andata a una mostra dell’artista americana Georgia O’Keefe di cui adoro anche il lavoro.

Chi altro (non artisti) ispira il tuo lavoro? Cosa e dove?

Sono ispirato dalla natura, dalle mappe, dall’atteggiamento spensierato dei miei figli e dall’oceano. I miei figli scalano costantemente alberi, fanno volare aquiloni, oscillano su viti e foglie di palma giganti. Ne faccio delle foto e spesso le traduco nei miei quadri. Mio figlio dipinge cose che lo fanno ridere e mia figlia dipinge con un selvaggio abbandono, sperimentando costantemente materiali e metodi diversi. Sono anche ispirata dalle emozioni delle persone. Il modo in cui le tengono rinchiuse o lasciate libere. Se le mani e le braccia sono un’estensione del cuore, il mio lavoro si sforza di connettersi profondamente con il modo in cui mi sento.

Guardando la tua biografia sul sito web sembra che la tua carriera sia decollata mentre vivevi nelle Filippine.

Si è vero. Ho avuto molto incoraggiamento nelle Filippine. Nel mio primo anno ho organizzato una mostra personale e molte persone sono venute per supportarmi. Il proprietario della galleria, un vecchio di nome Ed con gli occhi gentili, aveva detto: “devi dimostrare alle persone che puoi dipingere, poi il lavoro arriverà”, e aveva ragione. Prima, a Londra, avevo solo contribuito a mostre collettive. Appena prima dell’inaugurazione della mostra ho venduto un dipinto a un passante mentre stavamo appendendo il lavoro. Poi alcune persone hanno comprato dei dipinti nella serata di apertura. È stata una grande spinta di fiducia. Successivamente ho ricevuto diverse commissioni per i ritratti. Ero davvero occupata! Poi, una volta scoperta l’Associazione per la stampa delle Filippine, mi sono appassionata a questa nuova tecnica, che ero determinata a padroneggiare. È stato lì che ho incontrato molti altri artisti che mi hanno ispirato a spingere i confini del mio lavoro. Non c’è molta burocrazia nelle Filippine, quindi sembrava che tutto fosse possibile. Sono stata invitato a dipingere murales in città e ho condiviso la mia conoscenza dell’arte con un rifugio locale per i giovani a rischio. È stato un periodo davvero liberatorio.

Com’è stato lavorare alla trasformazione di spazi pubblici come Bonifacio Global City a Manila?

È stato davvero divertente. Faceva anche follemente caldo! Per lo più ho lavorato da sola trasformando una sporca stazione di guardia verde kaki in un murale dai colori vivaci. Le guardie lo adoravano. Penso che anche loro pensassero di essere un disastro. È stato fantastico far parte di un progetto in cui altri murales sorsero contemporaneamente in città. La festa di chiusura era selvaggia e mi sentivo come se fossi tornata con i miei colleghi di teatro.

Adesso vivi a Miami. In che modo la scena artistica è diversa lì rispetto a Manila?

Qui ci sono grandi affari. Una delle fiere d’arte più famose al mondo Art Basel è qui. Tuttavia, c’è anche la spigolosa area di Wynwood che è ricoperta di affreschi e popolata da eccentrici caffè, ristoranti fusion e fiere artigianali pop-up. Trovare connessioni a Miami non è stato facile come a Manila. Per me lì era più una comunità affiatata, mentre Miami è più affollata e decisamente più veloce. C’è molto da fare a Miami che può essere travolgente. A Fort Lauderdale (I.S Projects) c’è un piccolo e originale hub di produttori di stampe che adoro. Mia figlia e io siamo andate lì per partecipare alla fiera dei tipografi, che è stata molto divertente. Da ottobre ho lavorato in collaborazione con il Museo e i giardini di Vizcaya su grandi progetti artistici della comunità all’interno dei loro splendidi terreni. Questo fa parte della “vecchia Florida” da cui sono veramente attratta.

Alcuni dei tuoi progetti attuali?

Lavoro con un brillante studio a Coral Gables, Miami chiamato Peace, Love, Art, Yoga. È uno studio di arte e yoga combinato, gestito da una visionaria donna haitiana chiamata Lotus. Gestisco corsi di incisione e pittura dallo studio e online insieme a un artista cubano di fibre e un ceramista venezuelano. Abbiamo lanciato il nostro programma online quasi istantaneamente quando il blocco del Covid ha invaso il mondo. È stato un periodo di prova, ma sono stata in grado di portare a termine molti progetti artistici che non erano ecompletati e diventare esperta con le nuove tecnologie per rendere il mio programma di Family Art online il più coinvolgente possibile.

Spazio da sogno per mostrare il tuo lavoro?

Immagino che sarebbe un viaggio verso le mie radici nel sud di Londra. Ci sono così tante meravigliose gallerie come la Tate Britain, la Victoria and Albert e la National Portrait Gallery. Penso che il mio sogno (ed è uno grande) sarebbe quello di mostrare il mio lavoro alla Tate Britain. È uno spazio così iconico e così connesso alla mia giovinezza. Quando avevo vent’anni sognavo ad occhi aperti di mettere in scena un’installazione teatrale all’avanguardia nella Turbine Hall. Ora mi accontenterei di qualcosa di più umile.

Intervista by Beka Shane Denter

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

 

"more than a fashion magazine"

 

 

LATEST S.R.L.S. | P.IVA - CF 15126391000 | REA Roma RM-1569553

Raimondo Scintu 78 street, 00173 Rome, Italy | +39 351 8463006

Marta Forgione - president, chief editor

Scroll To Top